AREA DIPLOMATI
 
AREA AZIENDE ED ENTI
 
 
Il Master RIDEF - nato nel 2003 sulla base dell’intuizione dei notevoli cambiamenti che si profilavano nel sistema energetico - ha collezionato 11 anni di successi e la formazione di più di 300 qualificate professionalità inserite nelle realtà che hanno gestito le radicali trasformazioni del panorama energetico del Paese.
Si presenta dall'XI edizione come RIDEF 2.0 Reinventare l'energia, con una veste aggiornata per far fronte alle nuove affascinanti sfide dei prossimi anni: percorsi di specializzazione, mantenendo l'impianto unitario e l'impostazione interdisciplinare; approccio didattico interattivo con numerosi laboratori ed esercitazioni e la presenza di tutor scientifici; attenzione alle tematiche d'attualità non trascurando la formazione di base.
Il Master RIDEF 2.0 Reinventare l'energia si svolgerà da Giugno 2015 a Giugno 2016 articolandosi in:
  • Contesto, tecnologie, mercati e policy (90 ore)
  • Percorso A a scelta: Generazione sostenibile di energia, reti e mercati (280 ore)
  • Percorso B a scelta: Edifici ad alte prestazioni e a energia quasi zero (280 ore)
  • Città e industria: pianificazione, gestione e servizi (130 ore)
  • Stage in azienda o ente pubblico (3 mesi)
Le attività didattiche si terranno dal lunedì al venerdì per circa 6 ore al giorno alternando alle 350 ore di lezioni frontali, 150 ore di esercitazioni, laboratori e lavori di gruppo.
Le numerose agevolazioni alla frequenza a disposizione facilitano l'iscrizione al Master.
Il RIDEF 2.0 Reinventare l'energia è un Master Universitario di II livello ed è rivolto a laureati in discipline tecniche, scientifiche, economiche e politiche, neolaureati o provenienti dal mondo del lavoro.
Mira a soddisfare la richiesta professionale e manageriale delle nuove realtà aziendali sorte per far fronte alle richieste della rivoluzione energetica in atto (come ESCo, Traders, Progettisti integrati), nonché delle Utilities (che stanno rivedendo i loro modelli di business per rimanere competitive) e degli attori istituzionali (Regioni ed Enti locali) che sempre più svolgono nuove funzioni di gestione del territorio.
Il tasso di collocazione lavorativa si conferma molto elevato (superiore all'80%), grazie anche agli stage di alto livello che il RIDEF ha saputo offrire.

SCARICA IL
BANDO

SCARICA IL COMUNICATO

RICHIEDI INFORMAZIONI

ISCRIVITI ALLE SELEZIONI

LABORATORI ED ESERCITAZIONI

STAGE IN AZIENDE ED ENTI

AGEVOLAZIONI E FACILITAZIONI

GLI STUDENTI RIDEF

DOVE LAVORANO I RIDEFFINI

LA COMUNITA’ RIDEF
 

EC presents package of measures to accelerate Europe’s transition to a low-carbon economy

 

On 20 July 2016, the European Commission presented a package of measures to accelerate the shift to low-carbon emissions in all sectors of the economy in Europe. This proposal will help Member States prepare for the future and keep Europe competitive. It is part of the EU's strategy for a resilient Energy Union with a forward looking climate policy.

 

European Commission requests BULGARIA to comply with EU provisions reducing the energy consumption of buildings

 

On 22 July 2016, the European Commission released a fact sheet containing its key decisions of the July infringement package. In this context, the EC has sent a reasoned opinion to Bulgaria to request the correct transposition of all the requirements of the Energy Performance of Buildings Directive (Directive 2010/31/EU) into national law.

 

Infrastructures & Urban services: The third database on Construction21

Currently pioneers in highlighting content related to sustainable construction and green city, the Construction21 platforms are poised to welcome a new database. After eco-friendly buildings and exemplary districts, this tool will highlight the exemplary and innovative infrastructures and urban services, with the aim to spread good practices in urban projects and services. Thanks to the different Construction21 platforms worldwide, this new database will spotlight the French expertise for the sustainable city abroad.

Tafilalt: Algeria's first eco-friendly desert city

The eco-city in the Sahara is a 20-year project to make the desert bloom with all residents helping to plant trees and recycle waste As we drove to the top of the hill, a terraced garden surrounded by low stone walls reared out of the desert landscape, electrified by punches of orange and yellow fruit. An asphalt road separated this green belt from box-like buildings, with identical pastel-coloured exterior and narrow openings. The city we discovered behind an impressive gate made of palm branches was so quiet that it almost looked like an unoccupied fortress.